- MILANO -

Torre Galfa

Rinnovamento
milanese

L'edificio L'identità La location

L'edificio

scopri il network

l'edificio

Nel centro direzionale di Milano, sull’asse che collega lo storico Grattacielo Pirelli al recente Palazzo Lombardia, sorge Torre Galfa, opera pioniera dell’international style e caposaldo dell’architettura moderna.

Nata negli anni del boom economico, è oggi riportata a nuova vita grazie ad un progetto volto a trasformarla in un building multifunzionale all’avanguardia, che ospiterà al suo interno un hotel di lusso business oriented, appartamenti di design e una lounge terrace aperta al pubblico.
Una riqualificazione imponente ed ambiziosa che mira a restituire alla città un’icona dell’architettura moderna da sempre simbolo del rinnovamento milanese.

Storia

Torre GalFa viene realizzata tra il 1956 e il 1959 su progetto dell’architetto Melchiorre Bega per ospitare gli uffici milanesi della società petrolifera Sarom.
L’edificio, fratello minore del Grattacielo Pirelli, il cui cantiere si apre negli stessi anni a pochi passi di distanza, riscuote da subito l’apprezzamento di importanti progettisti, tra i quali Gio Ponti, che nel 1961 scriveva su Domus: “… una proporzione perfetta di volumi, in una semplicità di linee la cui ascendenza strutturale è espressa con sapienza e verità, con classicità”.
Ceduta nel 1980 alla Banca Popolare di Milano, abbandonata nel 2001, venduta cinque anni dopo a Fondiaria-SAI, rinasce grazie al Gruppo Unipol.

Video-intervista Progetto Torre Galfa >
Video Milano Torre Galfa >

Morfologia

“Argenteo, bellissimo, leggero, aereo: una bellezza”. Così Gio Ponti in un carteggio con Melchiorre Bega definiva il lato frontale che caratterizza l’opera.
Gli angoli dell’edificio sono, infatti, liberi da pilastrate e realizzati tramite una curtain wall, una vetrata continua che riveste la struttura portante invisibile, in quanto arretrata rispetto al filo esterno della facciata, conferendo eleganza e trasparenza, e lasciando intravedere gli open space interni.
La Torre, realizzata in cemento armato, si erge per 103 metri ed è composta da 31 piani, più 2 interrati.


il progetto

L'identità

Restituire alla memoria collettiva un simbolo della città, senza stravolgere il valore architettonico della sua immagine ma innovandola, garantendo efficienza energetica, comfort e adeguamento alle normative di sicurezza.

La rinascita della Torre Galfa segue il progetto firmato dall’architetto Maurice Kanah dello Studio bg&k associati, che ha valorizzato le peculiarità originarie e la chiarezza compositiva e geometrica per un nuovo mix funzionale: 13 piani di business hotel (gruppo Meliá) con 145 camere, ristorante, sale meeting e area fitness; nei piani superiori 73 residenze di design, da bilocali a pentalocali con servizi dedicati; rooftop aperto al pubblico con un ristorante panoramico; centro fitness al piano -1.

Tutte le funzioni, ispirate a criteri di ottimizzazione degli spazi all’avanguardia, saranno accessibili tramite ingressi dedicati.



La Location

map

map

Torre Galfa si posiziona armoniosamente nell’esclusivo contesto del nuovo skyline di Porta Nuova, quartiere in costante evoluzione.
Tra via Galvani e via Fara, in una posizione strategica, facilmente accessibile dalle reti autostradali e dal centro cittadino, a pochi minuti a piedi dalla Stazione Centrale e servita da numerosi mezzi pubblici di superficie e da tre linee della metropolitana (M2 fermate Gioia e Centrale; M3 fermate Sondrio e Centrale; M5 fermata Isola).


Altri Progetti